Piccoli e grandi, insieme con la passione della lettura

I “grandi” leggono storie e favole ai “piccoli”. Così è successo all’Istituto Comprensivo 1 di Poggibonsi dove gli studenti della 3B della scuola Media Marmocchi hanno letto “Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico” di Luis Sepùlveda con i bambini della 3A, 3B e 3C della elementare “Vittorio Veneto”

Un libro per tanti ragazzi e molta allegria dove l’amicizia è diventata divertimento con ironia …perché gli amici ci insegnano tante cose, condividono i successi e gli errori

Quello che i ragazzi hanno messo in luce è il valore dell’amicizia, un amico capisce i limiti dell’altro e lo aiuta e i veri amici condividono sogni e speranze.

Annunci

Cultura, musica e tanto divertimento per un contest d’autore

Il contest realizzato dai ragazzi dell’Istituto Comprensivo 1 di Poggibonsi in occasione di #ioleggoperché edizione 2017 presso la libreria Il Mondo dei Libri. Un pomeriggio dove la cultura è stata declinata in musica, cartoni, sigle, fumetti e libri per produrre tanto divertimento. Questo grazie a Mirko Fabbreschi e Laura Salamone dei Raggi Fotonici per loro coinvolgente affabulazione. E grazie ai ragazzi che hanno organizzato l’aperitivo, a quelli che hanno preso parte al Flashmob e grazie a tutti quelli che hanno reso speciale il pomeriggio.

Waiting for… #ioleggoperché

Leggere, ascoltare musica, vivere storie con chi i libri li scrive, gustarsi un aperitivo preparato dai ragazzi. Tutto questo è stato Favole 2.0 – Libri, Musica e Divertimento con Aperiraga, il contest organizzato dall’Istituto Comprensivo 1 di Poggibonsi all’interno di #ioleggoperché. L’evento si è svolto il 28 ottobre e ha visto la partecipazione di numerosi studenti. L’iniziativa si è tenuta alla libreria Il Mondo dei Libri di Poggibonsi dove  era presente Mirko Fabbreschi, insieme a Laura Salamone, due dei tre Raggi Fotonici, per cantare e parlare di musica e storie fantastiche.  In questi video, i giorni che hanno preceduto l’evento.

Favole 2.0 libri, musica e divertimento con Aperiraga e #ioleggoperché

Fantasia e creatività all’opera! Bambini, ragazzi, adulti… insomma tutti i poggibonsesi sono invitati il 28 ottobre a partire dalle 16 a essere protagonisti di un pomeriggio tra libri, musica e fumetti.

Reading collettivo in un flash mob di letture ad alta voce in cui ogni partecipante potrà esprimere il proprio amore per la cultura e per i libri, meraviglioso veicolo di crescita personale e divertimento.

Brani di musica pop e classici, suonati dagli stessi ragazzi, si alterneranno a recitativi e conversazioni con l’autore di  Carta Canta – quando i fumetti diventano canzoni e di Cartoon Heroes

All’iniziativa parteciperanno, infatti, Mirko Fabbreschi e i Raggi Fotonici, la cartoon band più longeva nella storia delle sigle tv. 

Con il  patrocinio del Comune di Poggibonsi, il constest talk show si concluderà con un Aperiraga, un aperitivo analcolico preparato dai ragazzi per i ragazzi.

Insomma un pomeriggio quello di sabato 28 ottobre  a partire dalle 16, nel quale leggere e comprare libri presso  la libreria Il Mondo dei Libri (via Sardelli 23-27 Poggibonsi) per l’Istituto Comprensivo 1 di Poggibonsi, ascoltare musica e divertirsi con #ioleggoperché

#ioleggoperché #libri #scuola #lettura #flashmob #aperitivo #cartoon#fumetti #sigle #musica

 

la locandina dell’evento: 

Contro il cyberbullissimo adesso c’è la legge

Anche minorenne, con almeno 14 anni, d’ora in poi potrà chiedere, senza l’intervento di un adulto, di oscurare, rimuovere o bloccare i contenuti diffusi in rete al gestore del sito web o ai social network. E se non sarà cancellato entro 48 ore, potrà ricorrere al garante della privacy.

Si tratta di una delle principali novità previste dalla legge sul Cyberbullismo, approvata all’unanimità in via definitiva alla Camera dei Deputati e in vigore dal 18 giugno dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. A dare il via alla legge era stata la morte di Carolina, una ragazza di 14 anni di Novara, che aveva scelto di farla finita dopo aver subita una violenza sessuale da parte del “branco” con i video postati in rete.

Entra per la prima volta nell’ordinamento la definizione legislativa di cyberbullismo. Bullismo telematico è ogni forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, manipolazione, acquisizione o trattamento illecito di dati personali realizzata per via telematica in danno di minori. Nonché la diffusione di contenuti online (anche relativi a un familiare) al preciso scopo di isolare il minore mediante un serio abuso, un attacco dannoso o la messa in ridicolo. Definito come cyberbullismo è anche diffondere contenuti online per isolare il minore tramite un attacco o un abuso.

La legge prevede anche il coinvolgimento dirette della scuola, tanto che in ogni istituto dovrà essere individuato un referente tra i professori per le iniziative contro il cyberbullismo, ed il preside dovrà informare subito le famiglie dei minori coinvolti in atti di bullismo informatico.

Il provvedimento intende contrastare il fenomeno del cyberbullismo in tutte le sue manifestazioni, con azioni a carattere preventivo e con una strategia di attenzione, tutela ed educazione nei confronti dei minori coinvolti, sia nella posizione di vittime sia in quella di responsabili di illeciti, assicurando l’attuazione degli interventi senza distinzione di età nell’ambito delle istituzioni scolastiche.

Con la legge è stata estesa al cyberbullismo la procedura di ammonimento prevista in materia di stalking. In caso di condotte di ingiuria, diffamazione, minaccia e trattamento illecito di dati personali commessi mediante internet da minori con più di 14 anni nei confronti di altro minorenne, fino a quando non è proposta querela o non è presentata denuncia è applicabile la procedura di ammonimento da parte del questore. A tal fine il questore convoca il minore, insieme ad almeno un genitore o ad altra persona esercente la responsabilità genitoriale; gli effetti dell’ammonimento cessano al compimento della maggiore età.